Siamo giunti al quarto incontro. Alberto Siclari terrà una lezione su “Ragione ed emozione nella fede”

13 Mar
Vi aspettiamo lunedì 16 marzo, alle ore 18, presso il cinema Astra di Parma per il quarto incontro di Pensare la vita, edizione 2015. Nell’ambito della tematica di questa edizione, dedicata a Ragione e passione, Alberto Siclari terrà un lezione dedicata a Ragione ed emozione nella fede. Modera l’incontro Emanuela Giuffredi. Di seguito vi forniamo la scheda della lezione preparata dal relatore, con alcuni passi tratti dallApologia di Socrate di Platone. Cliccando qui potrete scaricare la scheda dell’incontro di Alberto Siclari.

Intravisto in trasparenza, attraverso l’oggetto immediato di ogni fede storica, l’oggetto ultimo della fede è, forse, la verità. È un’ipotesi “ardita”; tuttavia, fatte le opportune precisazioni, può apparire non infondata. La nozione di fede, che esclude il possesso della verità e quindi l’obbligo di definirla, permette di aggirare la questione, che subito si presenta e che ha avuto e ha risposte molto diverse, di quel che è la verità. L’uomo di fede non è tenuto a definirla perché non pretende di comprenderla. Se ritiene di comprenderla non è un uomo di fede, ma un uomo che fa dei propri concetti, delle proprie rappresentazioni, delle proprie convinzioni e illusioni, e forse prima ancora delle proprie pulsioni, l’oggetto ultimo del suo credere.
Così sembra pensare Socrate, che oltre ad essere l’inventore del concetto è anche, e non meno, uomo di fede, e realizza e attesta che la verità non può essere un possesso dell’uomo, ma può e deve essere tuttavia criterio e forma del suo pensare e del suo esistere. Socrate non è un astratto ragionatore, è un erotico, un innamorato della verità. E questa, che non può essere posseduta e definita, lo possiede e lo orienta “in negativo”, nelle vesti della potenza che gli si oppone quando potrebbe compiere passi falsi o errare nel ragionare.
Con la verità Socrate sta dunque in un rapporto particolare, di natura poetica, formativa, dove però è chiamato ad essere l’oggetto oltre che il soggetto della propria attività formatrice. Dalla verità Socrate è invitato a fare poesia, a dare una figura bella e buona, che emoziona e appassiona, alla propria parola e alla propria esistenza, conformando se stesso e il proprio mondo al suo dettato misterioso ma eloquente. Non è il detentore ma un amante della verità, che sa di non possedere e tuttavia segue e persegue, e alla quale, da quell’amante che è, si affida docilmente con tutto il suo essere, nonostante «il peso dell’azione» (Apologia, 41d), lasciandosi guidare da essa ovunque lo conduca, sino alla quiete del sonno senza sogni o, invece, a un esistere nuovo, più aperto e luminoso.

Particolare de "La morte di Socrate" di Jacques-Louis David

Particolare de “La morte di Socrate” di Jacques-Louis David

Siamo ad Atene nel 399 a.C. Il settantenne Socrate, accusato di empietà da Meleto, è stato condannato a morte: dovrà bere una pozione velenosa. Prima di lasciare il tribunale, pronuncia un discorso di congedo che Platone riferisce nelle pagine conclusive dell’Apologia. Ne riferiamo una parte nella traduzione, che si può leggere anche in rete (a questo link), di Maria Chiara Pievatolo:
«Anche nelle battaglie spesso si rende chiaro che qualcuno potrebbe evitare di morire gettando le armi e voltandosi a supplicare chi lo insegue; e in tutti i pericoli ci sono molti altri espedienti per sfuggire alla morte, se non ci si fa scrupolo di fare e dire qualunque cosa. Ma, cittadini, forse evitare la morte non è difficile, ed è molto più difficile evitare la malvagità, [39b] perché corre più veloce della morte. E ora io, che sono così lento e vecchio, sono stato catturato dalla più lenta, mentre i miei accusatori, che sono così bravi e svelti, li ha presi la più veloce, la cattiveria. E ora me ne vado, io condannato a morte da voi, loro condannati alla malvagità e all’ingiustizia dalla verità.[…] Io vi dico, uomini che mi avete ucciso, che ci sarà per voi una retribuzione, subito dopo la mia morte, molto più dura di quella pena cui mi avete condannato. Perché voi ora avete fatto questo credendo di liberarvi dal compito di esporre la vita a esame e confutazione, ma ne deriverà tutto il contrario, ve lo dico io. A mettervi sotto esame per confutarvi saranno di più: [39d] quelli che finora trattenevo, di cui voi non vi accorgevate; e saranno tanto più duri quanto più sono giovani, e tanto più ne sarete irritati. Perché se pensate che basti uccidere le persone per impedire di criticarvi perché non vivete rettamente, non pensate bene. Non è questa la liberazione – né possibile, né bella – ma quella, bellissima e facilissima, non di reprimere gli altri, bensì di preparare se stessi per essere quanto possibile eccellenti. Con questo vaticinio per voi che avete votato contro di me prendo congedo.[…]
[Dopo essersi rivolto a quanti hanno votato la condanna, Socrate si rivolge a coloro che lo avevano assolto:]A voi, [40a] perché mi siete amici, ho voglia di far vedere qual è il senso di quello che mi è successo oggi. Perché a me, giudici – e chiamandovi giudici credo di chiamarvi correttamente – è accaduto qualcosa di meraviglioso. La solita voce oracolare – la voce di qualcosa di demonico (38) – prima mi era continuamente vicina e si opponeva sempre, anche su cose di poco conto, se stavo per fare qualcosa di non giusto. Ora mi è successo – lo vedete da voi – questo, che qualcuno potrebbe considerare un male estremo e che è creduto tale. Ma [40b] il segno del dio non mi ha trattenuto né la mattina presto, mentre uscivo di casa, né quando salivo qui in tribunale, né in nessun punto del discorso, mentre stavo per dire qualcosa. Eppure molte volte, in altri discorsi, mi ha addirittura interrotto; oggi, invece, non mi si è mai opposto in nulla di quello che facevo e dicevo. Quale suppongo ne sia la causa? Ve lo dirò: quello che è successo ha l’aria di essere stato un bene e non è possibile che abbia ragione [40c] chi di noi pensa che morire sia un male. Ne ho avuto una grande prova: se quello che stavo per fare non fosse stato un bene, il segno consueto non avrebbe mancato di trattenermi.
Ma consideriamo per quale altro motivo sia così grande la speranza che morire sia un bene. Morire è una di queste due cose: o chi è morto non è e non ha percezione di nulla, oppure morire, come si dice, può essere per l’anima una specie di trasformazione (metabolé) e di trasmigrazione (metoikesis) da qui a un altro luogo. E se è assenza di percezione [40d] come un sonno, quando dormendo non si vede niente, neanche un sogno, allora la morte sarebbe un meraviglioso guadagno – perché io penso che se qualcuno, dopo aver scelto quella notte in cui dormì così profondamente da non vedere neppure un sogno, e paragonato a questa le altre notti e giorni della sua vita, dovesse dire, tutto considerato, quanti giorni e quante notti abbia vissuto meglio e più dolcemente di quella notte, penso che non solo un qualsiasi privato, ma lo stesso Gran Re [40e] troverebbe, rispetto agli altri, questi giorni e queste notti facili da contare – se dunque è questa la morte, io dico che è un guadagno; anche perché così il tempo tutto intero non sembra più di una notte sola. Se d’altra parte la morte è un emigrare (apodemesai) da qui a un altro luogo, ed è vero quel che si dice, che dunque tutti i morti sono là, o giudici, che bene ci può essere più grande di questo? Perché se qualcuno, [41a] arrivato all’Ade, liberatosi dai sedicenti giudici di qui, troverà quelli che sono giudici veramente, (39) che appunto si dice giudichino là, Minosse, Radamanto, Eaco, Trittolemo e tutti gli altri semidei che furono giusti nella loro vita, potrà forse essere, questa, una migrazione da nulla? O ancora per stare con Orfeo e con Museo, con Esiodo e con Omero, quanto ciascuno di voi accetterebbe di pagare?[…]
Ma bisogna, giudici, che anche voi speriate bene davanti alla morte e teniate in mente questa verità, che [41d] non può esserci male per un uomo buono, né da vivo né da morto, e niente di quanto lo riguarda è trascurato dagli dei; anche le mie vicende d’ora non sono avvenute da sé, ma mi è chiaro che ormai per me morire ed esser liberato dal peso dell’azione era la cosa migliore. Per questo anche il segno non è mai intervenuto a distogliermi ed io personalmente non provo nessun rancore verso chi mi ha votato contro e chi mi ha accusato.[…]Ma è già l’ora di andarsene, io a morire, voi a vivere; chi dei due però vada verso il meglio, è cosa oscura a tutti, meno che al dio»

Il relatore: Alberto Siclari è stato professore ordinario di Storia della Teologia nelll’Università di Parma. Si è occupato a lungo della patristica greca e del pensiero tardo antico, del Medioevo latino (in particolare di Guglielmo di Occam e di Guglielmo di Saint Thierry), e più di recente della teologia liberale (Ernst Troeltsch) e del pensiero danese (anzitutto di Soeren Kierkegaard e di Harald Høffding). Fra i suoi lavori si segnalano L’itinerario di un cristiano nella cristianità. (2004) e L’umorismo e la filosofia (2009).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: